Investimenti

Perizie e certificati gemmologici a cosa servono e dove richiederli

Il mercato dei diamanti è molto complesso ma sempre interessante perché i diamanti sono considerati ora più che mai un bene rifugio e per questo motivo sono sempre molto richiesti da chi vuole investire un piccolo budget in modo sicuro e senza timore di perderlo. È importante, però, che i diamanti che si intende acquistare siano di buona qualità così da essere facilmente rivenduti successivamente in caso di necessità di liquidità. A tal fine è sempre utile far ricadere la propria scelta di investimento su pietre che siano in possesso del certificato gemmologico oppure, se si ha una pietra magari montata su un anello o ereditata da qualche parente, farla periziare per ottenere il certificato di qualità. Ecco tutto quello che si deve sapere sull’argomento.

Certificato gemmologico, cos’è e come si ottiene
Il certificato gemmologico è un documento redatto da esperti autorizzati che certifica la qualità della pietra e ne elenca le caratteristiche principali. Si tratta di una documentazione molto importante perché testimonia l’autenticità del diamante e quindi lo rende molto più appetibile sul mercato e facile da vendere. Il certificato gemmologico viene rilasciato dopo un’attenta perizia della pietra da parte di esperti gemmologi. Durante questa analisi le pietre vengono valutate secondo quelle che sono definite le 4C dei diamanti ossia il cut, che è il taglio; il carat, cioè la grandezza; la charity ovvero la brillantezza; infine il colour che ovviamente è il colore. Più sono alti gli indici di questi quattro aspetti, maggiore è il valore della pietra. Per produrre un certificato gemmologico a seguito di perizia si devono ovviamente sostenere dei costi poiché le strutture autorizzate a questa operazione sono private, ma è una spesa che verrà poi recuperata al momento della vendita del diamante poiché una pietra certificata raggiunge quotazioni di mercato molto più alte rispetto a diamanti privi di certificazione.

L’utilità del certificato gemmologico per l’acquisto di un diamante
I diamanti sono pietre bellissime ma agli occhi di chi non è esperto del settore può essere difficile riuscire a riconoscere una pietra pura da una che presenta qualche difetto che ne compromette il valore oppure da una completamente falsa. Per questo motivo è importante avere un documento ufficiale che ne attesti la qualità. In effetti il certificato gemmologico rappresenta proprio questo, il documento di identità della pietra che ne descrive tutte le caratteristiche. Il certificato gemmologico diventa ancora più importante se la pietra che si intende acquistare è un diamante da investimento. In questo caso, infatti, l’aquisto viene fatto con l’idea di mettere a frutto il denaro e rivendere la pietra dopo un certo lasso di tempo per realizzare un guadagno. Ovvio, allora, che tutto ciò che possa contribuire a rendere il diamante più facilmente vendibile e a quotazioni più alte sia il benvenuto per rendere l’investimento proficuo. Il certificato gemmologico, però, per essere valido deve essere rilasciato da specialisti del settore altrimenti non si raggiungono gli effetti desiderati.

A chi rivolgersi per il certificato gemmologico
A rilasciare il certificato gemmologico a seguito di accurata perizia sono gli istituti di gemmologia autorizzati a questa operazione. Non sono numerosi quelli che operano in Italia poiché è necessario dimostrare di possedere determinate caratteristiche per ottenere l’autorizzazione. Gli istituti di gemmologia migliori sono quelli che al loro interno hanno degli esperti gemmologi ossia dei professionisti del settore in grado di verificare minuziosamente ogni aspetto di un diamante e valutarne caratteristiche e qualità. Inoltre esistono strumentazioni idonee e tecniche molto accurate per identificare eventuali difetti nelle pietre oltre ad analisi chimiche i cui risultati devono essere necessariamente interpretati solo da chi ha le competenze necessarie. Insomma, un certificato gemmologico può essere considerato la carta vincente per far fruttare al meglio l’investimento in diamanti, ma bisogna rivolgersi esclusivamente a chi ha competenze e autorizzazioni necessarie non solo per effettuare la perizia preliminare ma soprattutto per rilasciare la successiva certificazione.